Nuoto. Al via il XV Meeting Città di Cosenza

Ryan Lochte swims in the men's 400-meter individual medley preliminaries at the U.S. Olympic swimming trials, Monday, June 25, 2012, in Omaha, Neb. (AP Photo/Mark J. Terrill)

Dal 2 al 4 giugno la piscina olimpica all’aperto di Cosenza, ospiterà oltre mille atleti di 47 società. Stiamo parlando del XVmo Meeting di nuoto “Città di Cosenza”. Una edizione quella di quest’anno che conferma come la società della Cosenza Nuoto, sia ormai una realtà nel panorama nazionale di questo sport.

Il XV Meeting di nuoto Città di Cosenza, nella vasca olimpica all’aperto dell’impianto cittadino, si è aperto nel migliore dei modi con la festa che ha accolto, sul bordo vasca, i 963 atleti delle 47 società partecipanti, e che già da oggi pomeriggio hanno iniziato a gareggiare con gli esordienti A e B.

L’avvio è stato affidato agli sbandieratori della Città di Bisignano, che da anni hanno riportato in vita l’antica tradizione medievale. In rappresentanza delle forze dell’ordine sono intervenuti gli agenti e la comandante Antonella Pignataro della Polizia provinciale: sono loro che hanno consegnato il tricolore all’atleta olimpico di tuffi Giovanni Tocci (tesserato Cosenza Nuoto e atleta del Centro Sportivo dell’Esercito) che al suono dell’inno di Mameli ha eseguito l’alzabandiera.

È lui che ha sostenuto l’atleta più piccola della società sportiva cosentina, Francesca Ferraro, nella lettura del giuramento dell’atleta. Tocci, oro al Gran prix di Madrid del 27 maggio scorso, in preparazione per gli Europei di specialità di Kiev del 12 giugno e i mondiali di Budapest di luglio prossimo, ha salutato la sua città e il numerosissimo pubblico presente che ha riservato a lui un accoglienza davvero speciale.

La manifestazione continua per le intere giornate di domani e domenica quattro giugno, con le gare finali di esordienti A e B e quelle degli atleti di Categoria che vedranno protagoniste anche le quattro atlete azzurrine della Nazionale Giovanile italiana Sara Gailli (2001); Vanessa Cavagnoli (2001); Emma Virginia Menicucci (2002) e Anna Chiara Mascolo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: